martedì, ottobre 24, 2006

Un concerto che vorrei tanto vedere

Uno o due giorni fa ho visto in rete che, il prossimo 4 febbraio al London Palladium, si terrà una serata speciale: Follies in Concert.
Follies è un musical di Stephen Sondheim che amo con tutto il cuore. Racconta una storia di ricordi, malinconie, rimpianti, paure, scelte sbagliate, occasioni perdute. La storia dei "what if" di una vita, anzi di quattro vite, anzi di una dozzina. L'ho visto un paio di volte alcuni anni fa ed è stato l'unico musical che finora mi abbia fatto piangere così tante lacrime e così tanto amare. Altro che storie di tragici amori non corrisposti, altro che freaks destinati alla solitudine, altro che giovani vite spezzate... Follies è la storia delle Vite Vere, della Gente Qualsiasi, di tutti noi che cerchiamo disperatamente di dare un senso ai nostri giorni dibattendoci fra le miserie della nostra stessa umanità. E' la storia in cui nulla cambia, in cui i giorni si susseguono uguali ai giorni, in cui l'amarezza si fa concreta e diventa un groppo in gola. Una storia di decisioni mai prese, di timori inconfessati, di paradossi quotidiani (non a caso una delle canzoni più amare, "Who's That Woman", recita un testo pesante e impegnativo su un ritmo allegro e saltellante).
Interpreti di questa serata di gala sono Josephine Barstow, Bonaventura Bottone, Maria Friedman, Adam-Jon Fiorentino, Laura Michelle Kelly, Trevor McDonald, Liliane Montevecchi, Charlotte Page, Michael Praed, Philip Quast, Angela Rippon, Liz Robertson, Imelda Staunton, Summer Strallen, Ian Talbot.
Vedo già cinque o sei nomi che da soli valgono il viaggio e il biglietto (come se già non bastasse l'adorazione per questo show). La sola idea di sentire Maria Friedman cantare "Losing My Mind" mi fa scorrere brividi di piacere lungo la schiena. Risultato? Se a qualcuno dei miei lettori serve un rene, mi chiami... l'asta è aperta!

3 commenti:

Gab ha detto...

Che cast, che concertone e che musical...Non credo che riuscirò mai a vederlo, però se solo ne facessero un bel cd o magari un dvd...Perchè non preservare per sempre dei momenti così belli??...Se riesci a vendere il rene e quindi ad andare, confido almeno nel tuo "spirito" piratesco, cara Swan :-)
Un bacio,
Gab

Purplecri ha detto...

Ah.. gran cast!! Almeno avrei l'occasione per vedere Philip Quast! Swan, sarò con te moralmente.. mi sa che stavolta non potrò davvero fare nessuna mattata, anche se ti seguirei volentieri! .. a meno che il 6 gennaio non si vinca alla lotteria!

Swan ha detto...

Gab, naturalmente puoi contarci... qui il problema è che 'sto rene non riesco a venderlo!!! ;-)